BILL VIOLA

Self Portrait - Submerged


San Pier a Scheraggio e Corridoio Vasariano, Galleria degli uffizi. La serie Water Portraits è il proseguimento di una ininterrotta esplorazione dell’elemento ‘acqua’, che è vita essa stessa. L’acqua rappresenta il cambiamento, il passaggio del tempo (che scorre sempre), l’eternità, ed è una metafora del venire al mondo, della nascita e della rinascita, del battesimo, e del riflettere. L’acqua ha una forza così potente che non può essere contenuta. I Water Portraits sono inquietanti. L’acqua non è un ambiente naturale per l’uomo, tuttavia qui appaiono sognatori che sembrano a proprio agio in questo mondo acquatico che delicatamente li fa ondeggiare, sognatori che misteriosamente sembrano vivere senza dover respirare. Self Portrait - Submerged raffigura l’artista immerso nell’acqua sul fondo del letto di un fiume. I suoi occhi sono chiusi e sembra in pace. L’acqua si increspa attorno al suo corpo, animando lievemente i suoi movimenti. Il suono dell’acqua che scorre permea lo spazio come sogni che filtrano attraverso il suo ambiente acquatico.